Lo scorso 15 gennaio è stato depositata richiesta di referendum abrogativo della legge sulle unioni civili a favore del matrimonio egualitario (G.U. Serie Generale n. 11 del 15/01/2022).
La Chiesa Protestante Unita (luterana di lingua italiana) si dichiara a favore di questa iniziativa e invita tutti i propri fedeli e gli altri cristiani ad appoggiare questa utile iniziativa che colma un vuoto legislativo a favore delle coppie dello stesso sesso. Il Vescovo della Chiesa Protestante Unita, M. Rev. Dr. Andrea Panerini, aveva già personalmente firmato a favore di questo referendum.
«Ho firmato con convinzione questa proposta di referendum – dichiara il Vescovo Panerini – nonostante sarebbe preferibile che il legislatore si assuma la responsabilità di approvare una legge sul matrimonio egualitario. Ma questa eventualità è vista come improbabile dalla nostra Chiesa, dopo i vergognosi applausi dei senatori all’affossamento della legge contro l’omobitransfobia lo scorso ottobre. Rivolgiamo l’invito ai nostri fedeli e a tutti i cristiani – nella loro libertà di coscienza – per l’appoggio di questa iniziativa di giustizia verso le coppie di persone dello stesso sesso. Le unioni civili – prosegue Panerini – non equivalgono al matrimonio nè a livello morale e di dignità nè a livello legislativo, per questo motivo è urgente un riconoscimento. La nostra Chiesa celebra il matrimonio religioso di persone dello stesso sesso dalla sua fondazione, ora è il momento che lo Stato italiano si assuma le sue responsabilità sia per l’attuazione della nostra Carta Costituzionale che del diritto europeo.»

L’Ufficio del Vescovo della Chiesa Protestante Unita precisa che l’appoggio ufficiale a questo referendum non implica una condivisione totale a livello morale o politico alla visione sociale, valoriale e politica dei suoi promotori ma solo la condivisione di questa iniziativa che viene vista come utile e auspicabile.

E’ possibile firmare per il referendum con il proprio SPID o firma elettronica andando sul sito web www.matrimonioegualitario.it

Pubblicità